profilo dei blogghisti

La mia foto
ATTENZIONE: in relazione alle gite inserite e descritte in questo blog, gli autori declinano ogni responsabilità per incidenti occorsi ad eventuali ripetitori. Inoltre non verranno indicate difficoltà, pendenze, materiali occorrenti ecc perchè crediamo siano informazioni che competono a guide alpine, libri e/o altri siti

domenica 6 agosto 2017

Cima dei Preti 2706mt - Via dei triestini

05-08-20017

Provo a sentire Michele e in due messaggi... è fatta, andiamo.
Partiamo tardo pomeriggio da Pian Fontana 900mt e arriviamo giusti per cena a casera Laghet de Sora 1870mt; qui dormiremo con altre 6 persone e così la casera sarà al completo!
L'indomani alle 6.00 partiamo per l'alta via n°6 fino a f.lla Val del Drap per poi staccarci e dirigerci verso la f.lla con il buco, ben visibile (roccette I° grado friabili...non un bell'inizio).
Raggiunto il foro lo oltrepassiamo e scendiamo con attenzione direttamente nel versante opposto per 5-6mt per poi risalire un canale-diedro a sx, verso la nostra prima cima, la Patera 2533mt.
Da qui in poi si seguirà quasi fedelmente il filo di cresta, con notevole esposizione da entrambi i versanti con passaggi su roccia molto buona, seguendo solo gli ometti piccoli e traballanti.
Raggiunta la Patera si scende delicatamente per poi risalire e guadagnare la cima Spellanzon 2590mt; da qui la discesa è ancor più delicata della precedente (eventuale cordone per discesa doppia) e raggiunto la base di Cima dei Preti iniziamo a legarci.
Parte naturalmente Michele e attacca un tiro di 25mt di III° su placca improteggibile e da qui in poi proseguiremo in conserva veloce da 25mt.
Ad un certo punto, 2600mt circa, la cresta è sovrastata da un tetto apparentemente invalicabile ma che presenta il suo punto debole con un traverso ascendente verso sx, di III+, di 4-5mt.
Qui si abbandona la cresta per una cengia che termina su salti marci con ometti... noi non capiamo bene, ma preferiamo la placca/spigolo e ci riportiamo sulla cresta e, da qui a poco, in vetta alla cima dei Preti (4h30' dal buco).
Neanche in discesa ci si rilassa molto.
Scendiamo nel cadin alto per poi deviare per traccia verso sx fino a f.lla dei Cantoni e qui traversare, in leggera salita, sotto cima Compol su cengette molto ripide e ghiaiose (qui ricompaiono segni rossi sbiaditi) fino a raggiungere f.lla Compol.
Ci siamo così ricongiunti all'alta via n°6 e scendiamo, sempre su terreno ripido I°, verso cadin dei Cantoni.
Qui le possibilità sono due: o scendere subito verso la val dei Cantoni (bolli rossi grossi ed esagerati!) oppure traversare ancora verso f.lla dei Cacciatori per poi scendere per il cadin del drap.
Optiamo per la seconda e troviamo ancora terreno ripido I° ma con sorpresa: il sentiero termina su nevaio 'sospeso' su enormi vuoti (causati da disgelo ecc) e non capiamo dove andare... i bolli dell'alta via spariti.
Decidiamo di attraversare il nevaio (a tratti ghiacciato) ma legandoci.
Da qui in poi ancora 1000mt ci separano dall'auto alla quale arriveremo scalzi, dopo esserci rigenerati nel vicino torrente.

Casera Laghet de Sora...8 posti letto


val del Drap con un tomoroso scorcio sulla cavalcata di creste che ci attende


forcella con il buco, vero e proprio attacco della via dei triestini


inizia la salita verso la Patera


assaggio di esposizione


Patera... e sullo sfondo Spellanzon e Cima dei Preti, avvolte dalle nubi nel versante NE


primo tiro, placca di III°


tiro chiave di tutto l'itinerario, traverso esposto di III+°


bellissima placca con spigolo friabile... ormai siamo alle battute finali



cresta di Cima dei Preti, con dietro la Spellanzon


ultimi passi verso la vetta


f.lla Cantoni con a destra cima Compol... anche qui l'esposizione non manca

dislivello di salita = dislivello di discesa = 2050mt

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog

ISCRIZIONE AL BLOG

Ricordo che l'iscrizione al blog mountain 360°
è assolutamente gratuita !!!








Lettori fissi